Categoria: Pensieri e Parole

Un sorso di birra su tre al fisco

birra-tasseNon sono solito a condividere le petizioni online, è una cosa che in vita mia avrò fatto si e no 3 o 4 volte. Quelle poche volte che lo faccio è perche sono convinto che sia per un buon motivo, e questo credo proprio che sia un buon motivo. Vi invito tutti a firmare e condividere, non so se servirà a qualcosa, ma quantomeno è questione di un minuto! Firma la petizione!

Pubblicato in News, Pensieri e Parole

BIRRA “TERRORISTA”….

In tempi di “scontro di civiltà” porgo un interessante articolo alla vostra attenzione …..

 

Medio Oriente. ‘Halal’: la birra analcolica che piace ad Hamas

Come ogni bravo imprenditore Nadim Khoury, la cui famiglia possiede l’unica fabbrica di birra in Palestina, la ‘Taybeh’ (delizioso), ha capito che il suo vivace spirito di adattamento sarà la chiave del suo successo nel nuovo governo dell’Anp guidato da Hamas. (altro…)

Pubblicato in News, Pensieri e Parole

Beer shop

Mi preme parlare di una realtà che noi di birrerieartigianaliroma non abbiamo ancora trattato con sufficiente veemenza, un pò per snobbismo, un pò perchè a noi piace fare i “vitelloni” nei locali affollati sbattendo la panza al bancone guardando tutto e tutte sognandoci poi sopra nel segreto della nostra stanzetta buia mentre smaltiamo la sborna causata dall’abuso di ipa/porter/weisse/lager/etc etc etc.

Nell’ultimo periodo sono fioriti una serie di locali,  come nel caso del Gradi plato di via val maggia (zona conca d’oro) gestito dal sapiente Filippo, carini curati e zeppi di birre introvabili e particolari, da palati raffinati, o come nel caso di birra più in via del pigneto dove il confine tra bar, pub e beershop è filosofia dato che puoi bere in loco ciò che acquisti o come nel caso del beer shop di Marino (RM) situato sulla bella piazzetta davanti alla scuola lato della posta dove il numero dei prodotti esposti farebbe paura ad un suk .

La sete d’impresa ha giustamente fatto riscoprire la voglia di negozi specializzati che tende a soddisfare un pubblico sempre più esigente, che consapevolmente sceglie un prodotto pagandolo un prezzo accessibile facendolo dunque diventare un trend interessante non solo per il discorso “mercato” ma quasi a livello di una rivoluzione culturale. La ri-scoperta consapevole di certi sapori (dei quali abbiamo parlato spesso) passa anche per un negozietto che ti vende (per es.) una birra bretone scura piuttosto che una birra d’abbazia semi introvabile, proprio perchè da la possibilità al consumatore di scegliere l’alternativa ai mostri da multinazionale rendendo accessibile il sapore antico della vera birra.

Un plauso a quei gestori coraggiosi (come ad esempio il sor Filippo del gradi di conca d’oro) che tra mille difficoltà ed intoppi burocratici riescono a fare impresa proponendo con sapienza e competenza prodotti da un significato antico vero non artefatto ma soprattutto BUONO!

Pubblicato in News, Pensieri e Parole Taggato con: ,

Birre Baladin al Conad…

Venerdi mattina ero a pranzo a casa della mia lei, quando ecco che ci accorgiamo che manca l’olio! Faccio quindi un salto veloce al conad li vicino (quello di viale somalia, ex sir).
Immancabile un salto alla corsia delle birre, piu’ per curiosita’ che per altro: sono rimasto veramente di stucco quando vedo che sullo scaffale in alto (il tetto, quello dove si mettono le cose che non prende mai nessuno 😀 ) erano presenti 3 bottiglie di Nora e una di Wayan, entrambe del birrificio Baladin, a 9,90€.
Non e’ la prima volta che trovo birre artigianali al supermercato, ma finora avevo visto solo birre belga/olandesi (queste si trovano sempre piu’ spesso).
Che la grande distribuzione stia (lentamente) scoprendo i birrifici italiani?

Se avete visto qualcosa del genere in altri supermercati segnalatelo qui sotto 😉

Pubblicato in Pensieri e Parole Taggato con:

Considerazioni fino a questo punto….

La passione per la birra mi porta a fare alcune riflessioni su Roma. Partendo dal basso, le dozzinali e non-saporite birrette mono-doppio malto in bottiglia sono riuscite ad accattivarsi una vasta fascia di pubblico (spesso da allarme sociale) che le consuma come se fossero le migliori delle birre possibili. Poi è la volta dei pubbetti…Nient’altro che luoghi d’aggregazione post-adolescenziale del fine settimana dove la trasgressione si esplica nel tracannare (per gli “uomini”) birre alla spina freddissime gasatissime e costosissime e (per le “donnine”) cocktail dal dubbio sapore spesso dolcissimi e alcolicamente fortissimi; poi c’è il wine bar…Osterie ripulite dove mangi semini e ti improvvisi sommelier…Di colpo siamo tutti diventati intenditori di vino e gran gourmet, quando fino a pochi anni fa il vinello era consumato in osterie poco raccomandabili da vecchietti e alcolizzati (che almeno però mangiavano bene…Non le schifezze da oviparo che servono agli “aperitivi”-che-fanno-molto-cool). Poi è arrivata la moda che se non bevi la roba irlandese non sei nessuno è hanno avuto un fiorire le nuove aperture di una galassia di pseudo Irish-pub, che di irish hanno spesso ben poco ma invece hanno molto della Roma che non mi interessa, quella che gioca ad essere quella che non è, che ti ostenta le mode senza capirne poi l’essenza di quello che viene detto o fatto. In alcune di queste taverne irlandesi si beve comunque un ottimo prodotto sebbene sia industriale, in tanti altri ci si va per l’atmosfera carina e perchè la comitiva si ritrova lì…Viene utilizzato il pub come viene utilizzato il bar…Come nei “vitelloni”. Per non parlare poi delle grapperie, delle rhumerie e di tutto ciò che prova a diventare business sdoganando pseudo-coatti come artisti del sapore e spiriti degni del demonio come bibite miracolosamente buone…Lungi da Roma e lungi da me tutto questo abominio…Le birre artigianali, non nascono come filosofia del no…no global no ogm, non sono una risposta reazionaria al marciume della città e non sono nemmeno una nuova moda radical-chic fintoelitaria o la reminescenza dei prodotti genuini (non sono polli le birre). Sono semplicemente buone,ma veramente buone. C’è assolutamente il rischio di ritrovarsi circondati dai Gran Maestri dei sapori -che-la-birra-artigianale-la conoscono-da-prima-di-te,specie nei localini che servono l’agognato nettare che lavorando con un target di clientela della fascia 18-25, in quartieri alto-borghesi,possono sembrare il parallelo ricco delle altre tipologie presente a Roma. A quel punto sopporti perchè preferisci bere la tua birrozza da paura piuttosto che disgustarti per gli imbecilli che sono vicino a te. Bisogna pensare che queste bevande hanno anche un ruolo sociale…Ho visto figli di papà (e di mammà) che dopo aver scoperto la differenza tra una weiss ed una lager,una bock e una pilsner,hanno anche finalmente capito che cosa è il Belgio, che lingue si parlano in Belgio, che le abbazie non fanno solo l’amaro benedettino, dov’è il Belgio, che i fiamminghi stanno pure lì. E’ gia un passo in avanti dato che a Roma la maggior parte delle persone si esprime a gesti e grugniti, specie alla sera, e che le letture preferite della città sono il corriere dello sport (solo i titoli) e le pubblicità dei centri commerciali (solo i prezzi). La scelta di birre artigianali si sposa tout-court con una ricerca consapevole del sapore come droga dell’anima, affiancandosi quindi anche al buon mangiare, slow food, scoperta di prodotti VERI dell’Italia e del mediterraneo in genere,ricerca di esaltazioni di profumi e sapori che in abbinamento cibo-birra raggiungono il top della libidine…E’ che la città è troppo piena di tutto,e tutto si mescola come in un continuo evolvere di elementi eterogenei e complementari tra loro tanto da creare quella commistione sociale che caratterizza le notti della città.

Pubblicato in Pensieri e Parole